22/02/2014 - IMPARARE LA CHITARRA DA AUTODIDATTI: E' POSSIBILE?


 

 

 

 "E' possibile imparare a suonare la chitarra da soli?

Leggi l'articolo

 

 

 

 

 

 

"è in linea teorica possibile imparare a suonare da autodidatti, ma occorre avere una grande dotazione di talento, importanti capacità auto-organizzative, e tantissimo tempo a disposizione.."

 



Da quando svolgo la mia attività divulgativa su internet ho pubblicato numerosi materiali, video e articoli per aiutare nell’apprendimento della musica e della chitarra.

Ma vorrei chiarire riguardo ad alcune dinamiche, e nella fattispecie riguardo all’imparare da autodidatti piuttosto che seguendo un corso di studio.

Il tema di questo articolo si può riassumere efficacemente con questa domanda:

 

 

 

  • E' possibile imparare da autodidatti?
 
 

 

La risposta è senz’altro: si, è possibile.

 

E’ infatti noto che alcuni famosi e apprezzati chitarristi non hanno ( o non avrebbero) avuto un vero percorso di studio.

Django Reinhardt, forse il più grande chitarrista di sempre, ha costruito la sua poderosa tecnica da solo, come reazione al grave incidente che ha menomato le sue mani.

 

 

 

  • Ma chiunque può essere in grado di farlo? E in qualsiasi condizione?
 
 

 

Qui la risposta è senz’altro: no.

 

Infatti Django è uno. La grande maggioranza dei chitarristi che amiamo si è servito del contributo di un insegnante, di una struttura o di un corso organizzato.

Mi si potrebbe accusare di “conflitto di interessi” nell’affrontare questo argomento, essendo io stesso un docente, ma in tanti anni di insegnamento ho avuto la possibilità di vedere con estrema chiarezza qual è il risultato dell’apprendimento da autodidatti.

Se devo guardare poi la mia storia personale io sono partito da autodidatta per integrare con lo studio presso insegnanti privati e scuole, in un secondo momento.

E mi sono reso conto immediatamente che con questi interventi arrivavo dove non sarei potuto arrivare da solo. Ci sono infatti aspetti dell’apprendimento che tipicamente si riesce a dipanare da soli, altri in cui invece è difficilissimo.

 

Dopo tutti questi mesi di pubblicazione e didattica online non vorrei che passasse un messaggio che invece non voglio dare.

Quindi voglio affermare con assoluta chiarezza:

 

 

 

Una moltitudine di video e risorse sparse sul web non possono in alcun modo sostituire

un vero  e proprio corso di studio.

 

 

 

Pensare che lo possano fare è un errore e può portare soltanto a confusione e frustrazione.

Sono ovviamente felice quando mi si dice che i miei video, e quelli di altri, stanno aiutando qualcuno ad imparare, ma sono convinto che possano mettere delle toppe ad alcune questioni singole, non fornire un percorso completo. E il motivo è che la chitarra, in generale, è un territorio troppo vasto, è necessario fare delle scelte e restringere il contesto.

E questo è il motivo per cui, oltre ai video che per lo più realizzo per rispondere a delle domande che mi vengono poste sulle questioni più disparate, ho creato dei corsi specifici, strutturati e tematici.

 

Ma vediamo schematicamente quali sono i “nodi” della questione, ovvero i motivi per cui è quasi indispensabile pensare di seguire un vero corso di chitarra, per avere dei risultati accettabili.

 

 

Ecco i limiti dell'apprendimento da autodidatti:

 

 



1) Capacità ritmiche: Da autodidatta spesso si riesce ad imparare le posizioni degli accordi, ma raramente a costruire una vera capacità ritmica evoluta. Questo è testimoniato dalla centinaia di persone che in rete dichiarano di avere questo problema.

 

2) Mano destra: Collegato al punto di cui sopra. In 20 anni di insegnamento non ho mai trovato UNA persona che da autodidatta avesse un’impostazione corretta della mano destra. Questo è davvero una delle questioni salienti.

 

3) Orecchio: alcuni hanno una buona dotazione naturale di orecchio, ma quasi nessuno da autodidatta spende parte del proprio tempo ad affinare queste capacità. Il risultato è che una percentuale bassissima di persone (5%?) è in grado di “tirar giù” brani e accordi ad orecchio e in autonomia.

 

4) Teoria: come sopra; pochissime persone hanno la dedizione per dedicarsi in autonomia allo studio della teoria musicale, è il risultato è una preparazione falcidiata dai dubbi e dalle lacune.

 

5) Percorso ordinato: La questione più importante di tutte è in realtà questa.

Internet costituisce una fonte incredibile ed inesauribile di materiali e di conoscenza. Dapprima questo può apparire come un grande vantaggio, ma quasi subito ci si accorge che si tratta di un’arma a doppio taglio. Tantissime sono infatti le persone che dichiarano, dopo l’iniziale entusiasmo, di essersi sostanzialmente perse, e di non sapere più dove si sta andando.

 

 



E’ per tutti questi motivi, e in modo particolare l’ultimo, che è vitale affidarsi ad un percorso di studio ordinato. Qui non si sta analizzando la differenza di qualità che c’è tra un percorso di studio di persona o online (di questo abbiamo parlato in altri articoli). Qui si sta sottolineando l’importanza di seguire un percorso che sia stato elaborato da un professionista, in modo organico, progressivo e sensato, volto insomma a raggiungere degli obiettivi precisi senza perdersi in altre distrazioni.

 

 

 

Anzichè affidarsi al fai-da-te che un giorno ci porta a leggere un articolo sugli accordi alterati, il giorno dopo a tentare di imparare un assolo di country-fusion e io giorno dopo chissà cos’altro. Con il risultato di gettarci nella più totale confusione.

 

 

 

 

Concludendo: è in linea teorica possibile imparare a suonare da autodidatti, ma occorre avere una grande dotazione di talento, importanti capacità auto-organizzative, e tantissimo tempo a disposizione. Spesso abbiamo una vita molto piena e impegnata, e il tempo diventa una variabile fondamentale. Se gran parte di esso va perso per cercare di capire qual è la strada giusta, quali gli argomenti da approfondire, c’è qualcosa che evidentemente non funziona. Il tempo che abbiamo sarebbe bello utilizzarlo per suonare!

 

 

 

Affidarsi ad un corso (che sia individuale, di gruppo, via skype, online, su libro, ecc) ci permette di delegare ad altri, professionisti della didattica, il lavoro di organizzazione e di concentrare tutte le nostre energie sul puro apprendimento.

 

 

 

claudio cicolin

Buona chitarra e a presto!

Claudio Cicolin

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento qui sotto!

freccia

 


Powered by Bullraider.com
Joomla templates by a4joomla